Scriviamo e illustriamo un libro

Ins. MARIA PIA ZACCHI
a.s. 2016/2017

PROGETTO:

“SCRIVIAMO E ILLUSTRIAMO UN RACCONTO”

SCUOLA PRIMARIA DI LECA

CLASSI COINVOLTE:
SCUOLA PRIMARIA DI LECA I F, I E, II F, II E.

TEMPISTICA: da Gennaio a Maggio 2017.

FASI DEL PROGETTO:
 COS’E’ UN LIBRO?
 SCRIVIAMO UN RACCONTO E PREPARIAMO LA CARTA
 MONOTIPIA PER ILLUSTRARE IL RACCONTO
 DRAMMATIZZAZIONE e/o PRESENTAZIONE DEI LAVORI FATTI

 Nella fase 1 i bambini sono stati invitati a spiegare con le loro parole cosa è secondo loro un libro, di quali materiali può essere fatto, che cosa può contenere, da chi è scritto, come viene illustrato e, in genere, qualunque idea essi abbiano di un libro in sé.
Ne sono conseguite animate discussioni dove ciascuno ha portato il proprio contributo e riversato il proprio immaginario. Molti alunni si sono dimostrati ben consapevoli di cosa sia e di come sia fatto un libro, di cosa sia la carta (materia prima per eccellenza nel mondo editoriale) e di chi sia uno scrittore. Più difficile è stato concepire la stampa in sé, specie quella del passato a caratteri mobili, mentre più vicino alla realtà infantile si è dimostrato il mondo informatico, l’uso di Word e del PC per la realizzazione della pagina scritta.
 La realizzazione di un racconto è avvenuta dividendo gli alunni in piccoli gruppi di tre o quattro bimbi, a ciascuno dei quali è stato dato un foglio bianco e delle matite.
E’ stato poi chiesto ad ogni gruppo di individuare un luogo dove avrebbe voluto far svolgere il racconto, un protagonista e un antagonista. Ciò attraverso il sistema della scelta democratica per votazione.
I lavori hanno visto animarsi accese discussioni, ma alla fine tutti i gruppi sono riusciti a individuare la scena dell’azione e i personaggi principali.
A questo punto sono stati invitati i bambini a scrivere la storia un po’ per ciascuno, dandosi il cambio non appena terminata una frase e proseguendo dal punto dove il compagno precedente aveva lasciato in sospeso la narrazione.
Alla fine ogni gruppo è riuscito a produrre una breve storia, adeguata all’età dei piccoli.
La giornata si è conclusa con la preparazione del macerato per produrre artigianalmente la carta.

 Nella terza fase si è proceduto alla realizzazione delle illustrazioni per i racconti e specialmente per quello che, tramite votazione, ogni classe ha deciso di trasformare in libro.
Per le illustrazioni è stata proposta ai bambini la tecnica della monotipia, usando un foglio di plexiglass, tempere, cartoncini e un mattarello. In pratica, si è spennellato un mix di colori sul plexiglass, vi si è posto sopra una sagoma dei personaggi del racconto scelto, sopra la sagoma un foglio d’album, quindi si è passato sul tutto il mattarello per imprimere il colore. Risultato: una sola stampa per volta, dai colori sempre diversi e dai risultati più immaginifici.
Una volta asciutte, le stampe sono state completate dai bambini con la tecnica preferita.

 L’ultima fase ha visto i bambini impegnati nella drammatizzazione del racconto scritto o nella presentazione dello stesso ai compagni delle classi coinvolte, in un clima di happening e di festa. Sono inoltre stati realizzati cartelloni per esporre tutti i lavori, compresi gli story-board dei racconti fatti sempre dagli alunni.